Archive for febbraio 2014

Hannah Arendt

hannah arendt film

hannah arendtOggi, ore 9.30

La Quinta B

Al Cinema Odissea  di  Viale Trieste

Proiezione del film:

HANNAH ARENDT

Ti è piaciuto? (Lascia un commento, se vuoi)

Annunci

Le buone letture

Pubblico la traduzione del brano di Seneca proposto alla Quinta nell’ultimo compito in classe:

LE BUONE LETTURE

Seneca

Seneca

Da ciò che tu mi scrivi e da ciò che sento dire m’induco a sperar bene di te. Non sei di quelli che continuamente si muovono e si agitano nel cambiare luogo. Questo continuo agitarsi è proprio di animo malato, ed io considero primo segno di uno spirito ben composto e ordinato la capacità di restare fermo e raccolto in se stesso. Però sta attento che anche codesta lettura di molti autori e di libri d’ogni genere non sia già una forma di andare vagando senza stabile sede. Bisogna che tu ti fermi a prendere contatto con alcuni sicuri ingegni e cercare in essi il tuo alimento se vuoi trarne qualche cosa che rimanga fedelmente amico nel tuo animo. Chi è in ogni luogo finisce per essere in nessuno. Chi passa la vita in un peregrinare senza posa fa bensì molte conoscenze ma nessuna vera amicizia. E necessariamente lo stesso avviene a coloro che non studiano sul serio un autore in modo da renderselo famigliare, ma li scorrono tutti frettolosamente. Non si assimila e non giova il cibo che appena preso viene messo fuori: niente impedisce tanto di riacquistare la sanità quanto cambiare continuamente i rimedi: non si cicatrizza la ferita alla quale si applicano varie medicature, non cresce vigoroso un albero se viene troppo spesso trapiantato; ed anche una cosa utilissima in un passeggero contatto non riesce a portare giovamento.

 Testo originale

Seneca

Seneca

Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio est: primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et secum morari. Illud autem vide, ne ista lectio auctorum multorum et omnis generis voluminum habeat aliquid vagum et instabile. Certis ingeniis immorari et innutriri oportet, si velis aliquid trahere quod in animo fideliter sedeat. Nusquam est qui ubique est. Vitam in peregrinatione exigentibus hoc evenit, ut multa hospitia habeant, nullas amicitias; idem accidat necesse est iis qui nullius se ingenio familiariter applicant sed omnia cursim et properantes transmittunt. Non prodest cibus nec corpori accedit qui statim sumptus emittitur; nihil aeque sanitatem impedit quam remediorum crebra mutatio; non venit vulnus ad cicatricem in quo medicamenta temptantur; non convalescit planta quae saepe transfertur; nihil tam utile est ut in transitu prosit.

Una reggia incendiata

La traduzione della versione di Curzio Rufo proposta alla Terza come compito in classe.

UNA REGGIA INCENDIATA PER COLPA DI UNA DONNA

curziorufoConquistata Persepoli, Alessandro organizzava ogni giorno banchetti ai quali partecipavano anche delle prostitute, solite vivere insieme ai soldati. Una di queste, Taide, ubriaca per l’eccesso di vino bevuto, disse che Alessandro avrebbe ottenuto il massimo della riconoscenza da parte dei Greci, se incendiava la reggia. Tutti i convitati furono d’accordo con la meretrice ubriaca. Erano infatti anch’essi riscaldati dal vino bevuto. Così si alzarono ubriachi per incendiare la reggia. Il re per primo appiccò il fuoco all’edificio; subito dopo i convitati, i servi e le prostitute. La reggia era costruita con legno di cedro, il quale, preso fuoco, propagò largamente l’incendio. Quando  l’esercito, che non era tanto lontano dalla città, vide ciò, pensando (che fosse) accidentale, accorse a portare aiuto. Ma, non appena si giunse al vestibolo della reggia, videro il re in persona sollevare ancora delle fiaccole. Allora, lasciata perdere l’acqua che avevano portato, cominciarono a gettare nell’incendio materiale infiammabile. Questa fine toccò alla reggia di tutto l’Oriente.

L’ora di tecnologia – Sondaggio

digitale2Un’ora di tecnologia nelle scuole sarebbe importante? o l’alternativa ideale sarebbe  integrare le tecnologie nella didattica quotidiana delle diverse discipline?

La recente dichiarazione della ministra Carrozza sulla necessità o meno di prevedere un’ora di lezione sull’educazione tecnologica ha innescato un dibattito molto interessante intorno a quali sono le competenze digitali che è necessario acquisire nella scuola.

Che cosa ne pensate voi?

Vi propongo un sondaggio per capire la vostra posizione:

**************

Comunicazione

ricordaPer gli alunni e le alunne della III che si sono assentati in occasione dei test grammaticali di latino e/o di greco:

 

 

Giovedì 20 febbraio

Test di recupero

sia di greco sia di latino

 

 

In caso di ulteriore assenza, gli alunni e le alunne suddetti svolgeranno il test (o entrambi i test), senza ulteriore preavviso, immediatamente al loro rientro.

 

**********

Primi compiti II quadrimestre

Qua sotto le date dei prossimi compiti in classe, i primi del II quadrimestre. Per la II anche la data del laboratorio di traduzione precedente:

data

lunedì

martedì

mercoledì

giovedì

 venerdì

 

24 febbr

Compito di latino in III

 

26 febbr
  Compito di latino in V   

 

3 marzo

Compito di greco in III

 

 

5 marzo  Compito di greco in V    
21 febbr   

 

 

 

laboratorio greco in II 

28 febbr

 

 

 Compito di greco in II 

 

 

   

 

Data test

testHo fissato la data del test di grammatica greca per le alunne e gli alunni della Terza e della Quinta che non erano presenti nel giorno stabilito.

  • La prossima data per la Terza è giovedì 20 febbraio 
  • La prossima data per la Quinta è lunedì 17 febbraio

 

Invito tutti gli interessati e le interessate ad essere presenti nelle date suddette.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: