Dal De Bello Gallico di Cesare

Pubblico per la III la traduzione del brano di Cesare (De Bello Gallico IV) proposto all’ultimo compito in classe .

Giulio Cesare

Giulio Cesare

I barbari, avuta notizia del piano dei Romani, mandata avanti la cavalleria e seguendo con il resto delle truppe, impedivano ai nostri di sbarcare. La difficoltà era enorme per questi motivi: perché le navi, a causa della loro mole, non potevano fermarsi se non in alto mare, mentre  i soldati dovevano scendere dalle navi, stare in mezzo alle onde e combattere con i nemici, con le mani impedite, oppressi dal grande peso delle armi; mentre i barbari, con tutte le membra libere, lanciavano dardi audacemente ed incitavano i cavalli abituati. I nostri, spaventati da questi fatti e del tutto  insesperti di questo genere di battaglia, non si avvalevano della stessa audacia e dello stesso impegno del quale erano soliti valersi nei combattimenti  di terra. Quando Cesare si rese conto di ciò, ordinò che le navi lunghe (da guerra), il cui aspetto era per i barbari troppo inusuale, si allontanassero un poco dalle navi da carico e che accelerassero coi remi e si ponessero al lato scoperto dei nemici e di lì i nemici fossero respinti con frecce.

Testo latino

At barbari consilio Romanorum cognito, praemisso equitatu et reliquis copiis subsecuti, nostros navibus egredi prohibebant. Erat ob has causas summa difficultas, quod naves propter magnitudinem nisi in alto constitui non poterant, militibus autem erat de navibus desiliendum  et in fluctibus consistendum et cum hostibus pugnandum, impeditis manibus, gravi onere armorum pressis;  cum illi , omnibus membris expeditis, audacter tela conicerent et equos insuefactos incitarent. Quibus rebus nostri perterriti atque huius omnino generis pugnae imperiti, non eadem alacritate ac studio utebantur, quo in pedestribus proeliis uti consuerant.  Quod ubi Caesar animadvertit, naves longas, quarum species erat barbaris inusitatior, paulum removeri ab onerariis navibus iussit et remis incitari et ad latus apertum hostium constitui atque inde sagittis hostes propelli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: