Archive for marzo 2011

Tesine/Percorsi

Se non cambia proprio quest’anno, la normativa ministeriale relativa all’esame di stato (art. 16, comma 2 dell’O.M.) recita:

“Il colloquio ha inizio con un argomento o con la presentazione di esperienze di ricerca e di progetto, anche in forma multimediale, scelti dal candidato. Rientra tra le esperienze di ricerca e di progetto la presentazione da parte dei candidati di lavori preparati, durante l’anno scolastico, anche con l’ausilio degli insegnanti della classe. (…) Preponderante rilievo deve essere riservato alla prosecuzione del colloquio, che (…) deve vertere su argomenti di interesse multidisciplinare proposti al candidato e con riferimento costante e rigoroso ai programmi e al lavoro didattico realizzato nella classe durante l’ultimo anno di corso. Gli argomenti possono essere introdotti mediante la proposta di un testo, di un documento, di un progetto o di altra questione di cui il candidato individua le componenti culturali, discutendole. Ẻ d’obbligo, inoltre, provvedere alla discussione degli elaborati relativi alle prove scritte”.


Riguardo all’inizio del colloquio, quindi, tutto ciò vuol dire che non è obbligatorio presentare materialmente una “tesina” ma solo che lo studente inizia il colloquio orale con un argomento a scelta (solitamente si sceglie un argomento multidisciplinare, ma ciò non è una norma vincolante).

Per l’esame di stato, quindi, vi sarà chiesto di consegnare solo il foglio con la sintesi del percorso che esporrete durante la prova orale (soprattutto se è in forma multimediale). Tuttavia niente vieta che portiate una tesina cartacea.

Continua a leggere

Annunci

Video del viaggio a Madrid

Francesca Capobianco è l’autrice del video che vi propongo, realizzato con alcune delle foto più significative del viaggio d’istruzione a Madrid e Toledo (II e III B). L’ho inserito anche nella sezione MEDIATECA.

 

Rientro


 

Eccoci nuovamente qui. Senza premi, ma…. tutti molto soddisfatti.  Tutti i concorrenti sono stati bravissimi (anche i nostri) ma non si potevano certo assegnare 62 premi (tanti erano in gara)… così ne sono stati conferiti solo 7.

Credo che Paolo e Nicola vorranno parlarvi personalmente e un po’ più a lungo dell’agon sofocleios, quindi rinvio alle loro parole. Vi avevo annunciato un loro intervento nel blog, ma le giornate e le serate sono state sempre troppo piene e non è stato possibile mantenere la promessa. Ora, però, lo faranno.

Un saluto da Termoli

In attesa che i vostri compagni Nicola e Paolo terminino la gara, vi mando un saluto da Termoli, che è una cittadina davvero piacevole, ridente e…  cosa non da poco…. sul mare!

L’organizzazione del certamen Sofocleum è impeccabile: il liceo Perrotta per due giorni, da oggi, chiude i battenti per i suoi studenti e li  apre ai 60 studenti grecisti di 16 regioni d’Italia (e, chissà, forse anche ad alcuni stranieri). I ragazzi e le ragazze delle terze e delle seconde liceo sono stati scandagliati per la città: alcuni ad accogliere alla stazione chi, come noi, arrivava in treno, altri ad accompagnare gli ospiti ai rispettivi hotel o ai ristoranti, con la navetta messa a disposizione; altri, semplicemente, a parlare con i loro compagni ospiti.

Ma  la cosa più affascinante e straordinaria (per tutti, non solo per me) è vedere tanti ragazzi da tutta Italia, dalla Sicilia come da Grosseto, da Napoli come da Avezzano o dal Veneto,  bravi, ma bravi davvero, in greco… Sentirli, quando si incontrano,  discutere con competenza di tragedie, di stili, di contenuti letterari; vederli  confrontarsi, studiare, emozionarsi mentre rileggono le ultime critiche su Sofocle…. Insomma… Cosa piuttosto rara… Vederli poi raggruppati tutti insieme così numerosi, beh,  fa un certo effetto… Credo che vi piacerebbe, anche se non tutti siete dei grecisti.

Domani, forse, anche Paolo e Nicola vi manderanno un saluto da qui. E magari vi racconteranno anche come è andata.

Per il test su Esiodo…. e altro

Esiodo

La verifica su Esiodo che la I B sosterrà lunedì 28 marzo, nella forma del test, consisterà in:

  • una domanda a risposta aperta (tipologia A della terza prova dell’esame di stato: max. 20 righe)
  • due domande a riposta sintetica (tipologia B: max 10 righe).

Perché la preparazione sia accurata, la classe è tenuta a leggere tutti i brani contenuti nell’antologia (sia quelli già letti in classe, tratti dalle Opere e i Giorni, sia quelli tratti dalla Teogonia, che sono stati riassunti negli schemi che vi ho proposto).

Per il momento non ci saranno domande sui passi dell’Iliade che abbiamo tradotto.

E’ vivamente consigliato a tutti di non mancare!!!

Per la  III B:


RINVIATA la verifica sui testi latini

(v. bacheca)

Le garibaldine

Donne del Risorgimento

Audaci, generose, risolute…e invisibili

di Diana Di Francesca (NOI DONNE.ORG)


La punta avanzata delle patriote è costituita dalle “garibaldine”, spesso coinvolte nella lotta politica per amore di un uomo, ma  poi protagoniste convinte delle loro battaglie: come Colomba Antonietti che al fianco del marito il conte Luigi Porzi combattè, vestita da bersagliere, per la Repubblica Romana, e morì sotto il fuoco francese a Porta San Pancrazio. Sepolta nel Mausoleo  Garibaldino sul Gianicolo, fu celebrata da Carducci e da Alexandre Dumas padre.

Colomba Antonietti

O come Enrichetta Di Lorenzo, compagna di Carlo Pisacane, anch’essa a fianco del suo uomo durante la Repubblica Romana, in cui non solo fu nominata dal triumvirato “direttrice dell’ambulanza” e assistette i feriti insieme a Cristina di Belgiojoso , ma partecipò il 30 aprile 1849 ai combattimenti contro i francesi a San Pancrazio.
Per la Repubblica Romana combatté anche Rosa Strozzi, moglie del capitano garibaldino Vincenzo Santini. Seguì poi Garibaldi in Sicilia, nel 1860, guadagnandosi una medaglia al valore.
Ufficialmente una sola donna partecipò alla Spedizione dei Mille: Rose (Rosalia) Montmasson, 35enne, allora moglie del riberese Francesco Crispi, lavandaia e stiratrice savoiarda che aveva conosciuto Crispi mentre era rifugiato in Piemonte dopo i moti del 1848 (…)

Per continuare la lettura dell’articolo, clicca qui

Utile per una eventuale tesina?

“Edipo Re” (2)

Un altro spezzone della stessa rappresentazione teatrale che vi ho già proposto.

Qui vedrete i dubbi di Edipo dopo le parole di Tiresia e il dialogo tra Edipo e Giocasta

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: