Archive for ottobre 2010

Hinc et nunc

Per chi fa la collezione delle locuzioni latine ancora in uso nella lingua italiana, un’altra espressione, molto nota:

 

hic et nunc


Letteralmente significa “Qui ed ora”

Questa espressione si usa spesso per indicare che una cosa non ammette proroghe (e perciò va fatta subito, “qui ed ora”) ma anche per invitare qualcuno a vivere il presente, “qui ed ora”, cogliendo l’attimo che non ritornerà.

Il concetto è vicinissimo alla filosofia del buddhismo zen:

« L’istante presente non ritorna mai più.
Durante zazen, ogni nostra inspirazione ed espirazione è unica e non ritorna mai più.
Ieri era ieri ed oggi è oggi.
Dico sempre che bisogna concentrarsi “qui ed ora”, creare “qui ed ora”.

Così ci si rigenera, ci si rinnova »

(Taisen Deshimaru)


Concorso letterario “I giovani e l’alcool”

Il Concorso letterario “I giovani e l’alcool: una vita bevuta” è rivolto agli studenti del triennio superiore delle scuole secondarie di II grado.

Entro il 10 febbraio 2011 l’invio degli elaborati.

Ai 3 vincitori saranno assegnati i seguenti premi di studio:
1° Premio – 1.000,00 euro
2° Premio – 500,00 euro
3° Premio – 300,00 euro

Per ulteriori informazioni clicca qui

 

Archiviato anche in bacheca.

 

_______________________________________________________________________

Festival Scienza Cagliari

Si svolgerà a Cagliari, dal 5 al 12 novembre 2010 presso il Centro Culturale Exmà in via San Lucifero, la terza edizione del Cagliari FestivalScienza organizzato dal comitato SCIENZAsocieta’SCIENZA.
Il festival vuole essere l’occasione di avvicinare alla scienza attraverso conferenze, incontri, laboratori, spettacoli e animazioni per raccontare la scienza in modo semplice e accattivante.
Otto giorni di appuntamenti con la fisica, la chimica, le scienze naturali, la matematica.
La terza edizione del “Cagliari FestivalScienza” ha come tema il mare, tema suggestivo, ricco di spunti scientifici e intimamente legato alla città di Cagliari. Esso permette di celebrare anche a Cagliari l’anno internazionale della Biodiversità, indetto dalle Nazioni Unite per il 2010 a salvaguardia della varietà della vita sulla Terra. Il Festival ha il patrocinio dell’UNESCO.

Il Programma del festival si trova sul sito : www.scienzasocietascienza.eu

Per gli studenti sono previsti laboratori interattivi, visite guidate alle mostre e dibattiti con gli esperti su questioni scientifiche di attualità.

E’ pertanto necessaria la prenotazione da parte delle classi interessate a partecipare.

Per ulteriori informazioni: e-mail:   presidente@scienzasocietascienza.eu
Segreteria: 349 3384471, ore 9-19

______________________________________________________________________

Liberatoria

Ho pubblicato tra i MATERIALI / sezione VARI, la liberatoria che i genitori degli alunni minorenni dovrebbero firmare per autorizzarmi a pubblicare nel blog foto e/o video che vi riguardano.

Vi pregherei di scaricarla, stamparla e farla compilare ad entrambi i vostri genitori. E, naturalmente, di consegnarmela firmata.

L’invito è rivolto a tutti (alunni e alunne minorenni) delle tre classi.

I maggiorenni la scaricheranno e la compileranno firmandola personalmente.

__________________________________________________________________________

Due concorsi per l’Europa

Per chi fra voi non si fosse ancora abituato a visitare il sito del Dettori, e quindi non avesse ancora letto le comunicazioni pubblicate stamattina, dò notizia di due interssanti concorsi, uno dei quali  per disegnare la copertina del Diario Europa, l’altro per la produzione di un video.

Sapete che mi piace molto segnalarvi le opportunità che vi vengono date di mettervi in gioco e di vedere premiate le vostre eventuali competenze non solo scolastiche.

Il Diario Europa è un diario scolastico contenente informazioni sull’Unione Europea (UE) e altri argomenti di interesse per i giovani, come le opportunità lavorative, la tutela dei consumatori e la protezione dell’ambiente. È distribuito gratuitamente nelle scuole dei 27 Stati membri dell’UE.

  • Vincitore: al miglior disegno verrà assegnato un premio in denaro di € 1.000.
  • Altri classificati: coloro che arriveranno tra il secondo e il quinto posto riceveranno un premo in denaro di € 250.

Se verrà utilizzato il vostro disegno come copertina del Diario Europa 2011-2012, il vostro nome sarà citato e sarà quindi visto da diversi milioni di studenti in tutta Europa!

Data limite per la presentazione dei disegni:

sabato 13 novembre alle 23:59

Per maggiori informazioni, clicca qui.

Per maggiori informazioni sul concorso Tramarollo (per il video), il cui primo premio ammonta a euro 500 e la cui scadenza è fissata a marzo 2011, clicca qui.

Ancora una riflessione

Sempre per avere una vostra opinione e per farvi riflettere.

Il latino nella scuola del duemila

CIDI di Bari 2008

Insegno da vent’anni latino e greco e durante questi vent’anni, sempre, tutti gli studenti mi hanno chiesto, all’inizio del ginnasio, Ma a che serve studiare il latino e greco? Il latino e il greco si sa, sono astrusi per definizione, e dunque hanno bisogno di giustificazioni. Non come le discipline moderne che, pure spesso astruse, proprio perché moderne sembrano cogenti. Quell’ammasso di regole e forme da studiare, di “versioni” da riuscire ad afferrare, proteiformi nella lingua, nel lessico, nei contenuti, negli intenti comunicativi, a cosa mai possono servire nella vita presente o almeno in quella futura? Come ricucire il tempo di quel lavoro con l’urgenza degli interrogativi del crescere? A questa domanda non ho mai avuto voglia di rispondere.

Da subito, invece, già al primo anno di insegnamento, la domanda per me cruciale è stata un’altra, quella di una studentessa tenace e fiduciosa, Ma come si fa?


Continua a leggere

Tradurre il latino (e il greco)

Da un corso di aggiornamento tenuto dal CIDI di Firenze: “Scripta manent. Incontri sulla didattica del latino”, sono emerse alcune considerazioni interessanti (che possiamo applicare anche alla didattica del greco). Mi piacerebbe conoscere la vostra opinione:

  • Non è utile, e non è neppure veramente possibile, per un alunno, la traduzione dal latino, in quanto il latino non è lingua in uso e non esiste la possibilità di verifica con un parlante, come avviene con una lingua moderna.
  • La traduzione è utile come esercizio scolastico: in quanto permette un avvicinamento alla comprensione del testo latino e perché, nel tradurre il latino, è assente l’inferenza dell’alunno e perciò l’attenzione deve concentrarsi solo sul testo in oggetto, nel quale sono tutti gli elementi necessari a ricavare il significato del testo stesso.
  • E comunque la traduzione non può essere lo scopo dello studio del latino, mentre resta un mezzo, valido, per giungere alla comprensione del testo e per apprendere i meccanismi morfosintattici.

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: