Archive for aprile 2010

Il participio greco (1)

Le prime nozioni elementari da ricordare

(v. scheda n. 1 in MATERIALI DIDATTICI)

Il participio è un MODO verbale e “partecipa” delle caratteristiche del verbo (e quindi si coniuga nei vari tempi) e del nome (e quindi si declina nei vari casi).

I TEMPI del participio:

  1. Presente (indica contemporaneità con la reggente, e per l’aspetto: durata dell’azione)
  2. Futuro (indica posteriorità con la reggente; esprime anche una proposizione finale)
  3. Aoristo (può indicare contemporaneità o anteriorità con la reggente; per l’aspetto: assolutezza o momentaneità dell’azione; solo il contesto può rendere chiaro se privilegiare il valore cronologico  o aspettuale)
  4. Perfetto (indica, per l’aspetto, la compiutezza dell’azione; rispetto alla reggente è quindi anteriore)

Le DIATESI del participio:

  1. Attiva
  2. Medio-passiva (ricorda che in alcuni verbi esprime un’azione passiva, in altri, riflessiva, in altri ancora attiva: aiutati col dizionario, che ti guiderà nella scelta)
  3. Passiva (ce l’hanno solo il futuro e l’aoristo: il participio passivo deve essere tradotto al passivo, a meno che il dizionario non dica diversamente; capita, per es. con i verbi che “nascono” medio-passivi)

________________________

Per il momento sia sufficiente questo. Ora svolgi il seguente

ESERCIZIO:

  • Dopo averli cercati sulla grammatica, trascrivi sul tuo quaderno il participio presente, futuro, aoristo, perfetto – attivo, medio-passivo, passivo (se c’è) – di un verbo a tua scelta. Non c’è bisogno che li coniughi interamente (basta il nominativo e il genitivo)
  • Subito dopo cerca di memorizzarli (puoi farlo trascrivendoli, di nuovo, tante volte quante vuoi, sul quaderno; oppure ripetendoli a voce alta)
  • Poi prendi altri due o tre verbi a scelta (tra quelli che incontri più spesso) e fai con questi la stessa cosa.

Hai tre giorni di tempo per questo tipo di esercizio.

Fare poche cose ma quotidianamente, con costanza e impegno, vale più di un’abbuffata di studio fatta in una sera.

Segue……

N.B. La prossima scheda (n.2): Le FUNZIONI del participio

________________________


Annunci

Grammatica

Non avete ancora risposto tutti al sondaggio: vedo solo 49 voti. Tuttavia mi pare di capire che il gradimento di chi ha votato vada alle schede sintetiche grammaticali e sintattiche e agli esercizi di recupero.

Quindi, anche se potete continuare a votare, io comincerò ad esaudire i vostri desideri e a proporvi delle sintesi sugli argomenti che ritengo più  “utili”.

A meno che non esprimiate voi stessi delle richieste particolari (se volete, potete farlo qua sotto, in un commento), ho deciso che comincerò con una scheda di grammatica greca, dedicata al participio, che tanto, solitamente, vi fa penare.

Tutti, infatti, in genere, riconoscono il participio, ma, chissà perché, pochi ne riconoscono la funzione e, nel caso, lo traducono davvero bene.

Partirò quindi da lì.

N.B. Nella sezione MATERIALI DIDATTICI troverete, man mano, la raccolta delle schede e degli esercizi.

__________________________


Concorso “Science for Peace”

Vi propongo un interessantissimo concorso, proposto dalla Fondazione Umberto Veronesi, per il progresso delle scienze.

E’ aperto a tutti gli studenti e le  studentesse di tutte le Scuole Secondarie di 2° grado del territorio nazionale.

I partecipanti sono chiamati a progettare un simbolo che rappresenti il rapporto tra Scienza e Pace.

Possono partecipare studenti singoli, in gruppo o in gruppo classe.

In ogni caso vincerà la classe e la scuola di appartenenza.


Gli elaborati richiesti consistono in una relazione progettuale contenente:

1. il disegno descrittivo del simbolo

2. le specifiche tecniche (dimensione, colori, uso in negativo e in positivo)

Scadenza: le ore 12.00 del 28 maggio 2010

Premio:

All’istituto vincitore verranno forniti 5 computer per la scuola e 30 tavolette grafiche.

Alla classe autrice del lavoro rescelto una macchina fotografica digitale.

Per ulteriori informazioni e per scaricare il bando visitare il sito:

http://www.fondazioneveronesi.it/pagina.php?id=143&nome=Concorso%20S4P

Ho inserito la comunicazione nella pagina CONCORSI di questo blog e nel sito del liceo Dettori.

Partecipate e invitate a partecipare.


____________________________


La seconda B in Olanda

Un saluto alla seconda B che parte per l’Olanda.

Immagino l’eccitazione e l’entusiasmo…. e mi piacerebbe andare con voi.

Mi raccomando…

Fatevi portare ad Amsterdam. Ne vale davvero la pena.

Buon viaggio e…!

Portate tante foto da inserire nel blog.

Buone maniere in classe

Quintiliano

Non bisogna concedere affatto ai ragazzi il permesso di alzarsi e saltare quando elogiano le prove altrui, come invece accade nella maggior parte delle classi: anzi, anche quelli sui vent’anni quando ascolteranno, dovranno reagire compostamente. Così accadrà che l’allievo penda dal giudizio del maestro, e creda d’aver esposto bene ciò che dal maestro sarà approvato. In vero, quella sbagliatissima abitudine, che ormai chiamano cortesia, di lodarsi vicendevolmente qualsiasi intervento, non solo è poco decorosa e ipocrita e non ha nulla a che fare con le scuole serie, ma è anche nemica pericolosissima degli studi: se c’è pronto l’elogio per qualsiasi parola esca di bocca, diligenza e fatica appaiono del tutto inutili.

Quintiliano, Institutio oratoria II, 9-10

Testo originale

Minime uero permittenda pueris, ut fit apud plerosque, adsurgendi exultandique in laudando licentia: quin etiam iuuenum modicum esse, cum audient, testimonium debet. Ita fiet ut ex iudicio praeceptoris discipulus pendeat, atque id se dixisse recte quod ab eo probabitur credat. Illa uero uitiosissima, quae iam humanitas uocatur, inuicem qualiacumque laudandi cum est indecora et theatralis et seuere institutis scholis aliena, tum studiorum perniciosissima hostis: superuacua enim uidentur cura ac labor parata quidquid  effuderint laude.

Sondaggio: grammatica nel blog?

Vi propongo un nuovo sondaggio, a cui vorrei che rispondeste possibilmente tutti.

Luciano in Biblioteca

Le opere di Luciano di Samosata sono tante ed è stato perciò necessario fare una scelta drastica prima di  inserirne qualcuna in BIBLIOTECA.

Tuttavia conto di pubblicarne ancora alcune, soprattutto quelle più significative di ogni “gruppo” tematico (opere autobiografiche, opere filosofiche, esercitazioni sofistiche, romanzi, dialoghi…).

Luciano di Samosata

Per il momento, e giusto per cominciare e familiarizzare con lui, ho scelto:

  • I Dialoghi degli dei
  • I dialoghi dei morti
  • Il sogno

Buona lettura alle ragazze e ai ragazzi della terza.

Ma, naturalmente, non c’è alcuno divieto per chi della prima e della seconda volesse leggerle  🙂

_______________________

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: